Trompe-l'oeil nell'atelier del pittore

See all ads from Antichità Castelbarco
Trompe-lTrompe-lTrompe-lTrompe-lTrompe-lTrompe-l

Description

Cornelis Norbertus Gysbrechts (Anversa, 1630 c. – 1675 c.), attribuito a
Trompe-l'oeil nell'atelier del pittore con dipinto, stampa e strumenti da lavoro

Seconda metà '600 (1660-1680)
olio su tela, cm. 76 x 62
con cornice cm. 86 x 72

Maggiori dettagli su: www.ANTICHITACASTELBARCO.it


L'affascinante composizione in esame proietta lo spettatore all’interno dell’atelier di un pittore, mostrandogli una parete in legno sulla quale sono appesi una stampa con un ritratto virile (presumibilmente il committente o lo stesso pittore) ed una tela con una scena di genere; nella parte inferiore, sopra una mensola sono collocati vari strumenti di pittura, tra cui una tavolozza con i vari pennelli.
L’opera rientra nella categoria pittorica definita trompe-l’œil, termine che definisce l'arte di stupire lo spettatore mediante l’inganno percettivo che l'oggetto dipinto sia reale, ottenendone così il coinvolgimento emotivo e suscitandone la meraviglia.
In particolare rappresenta un pregevole esempio da annoverare al catalogo del fiammingo Cornelis Norbertus Gysbrechts (Anversa, 1630 c. – 1675 c.), uno dei principali promotori della nuova estetica del trompe l'oeil, pittore capace di una grande abilità tecnica unita ad una peculiare genialità creativa.
Basta ad esempio fare un raffronto con alcune delle sue opere che richiamano il medesimo soggetto di quella proposta, tra cui ‘The Attributes of Painting’ (Musée des Beaux Arts de Valenciennes, Francia), ‘Trompe l'oeil with Studio Wall and Vanitas’ o ‘Trompe l’oeil. A Cabinet in the Artist’s Studio’ (Statens Museum for Kunst, Copenhagen), per cogliere a prima vista le numerose analogie, ed associarne l'esecuzione alla stessa mano del maestro. Si vedano le immagini nei dettagli.
Anche se in maniera meno incisiva, questo genere pittorico trova fortuna anche in Italia, specialmente in area lombardo-emiliana durante il XVIII, con nomi quali Andrea Domenico Remps (1620 - 1699), Antonio Gianlisi (Rizzoli, 1677 - Cremona, 1727) ed ancora Carlo Leopoldo Sferini.

L'opera è stata reintelata professionalmente e si trova in ottimo stato di conservazione
Certificato di autenticità fotografico a norma di legge.


Information

Codice lotto: D1171
Materiale: olio su tela
Misure: cm. 76 x 62, con cornice cm. 86 x 72
Condizioni: ottime
Autore: Cornelis Norbertus Gysbrechts (Anversa, 1630 c. – 1675 c.), attribuito a
Provenienza: Belgio
Prezzo: 5800

Contact

Città: Riva del Garda
Prov: Trento
Cap: 38066
Antichità Castelbarco SRLS
Indirizzo: Viale Prati 39
Send an Email
Tel: 3332679466
Cell: 3332679466
Sito web: www.antichitacastelbarco.it